Scroccafusi

Rispondi
Avatar utente
Sere77
Messaggi: 668
Iscritto il: 14/05/2016, 18:17
Località: San Marino

Scroccafusi

Messaggio da Sere77 »

1.jpg
1.jpg (229.1 KiB) Visto 1653 volte
Questi dolcetti sono tipici della regione Marche, in particolari di Macerata Feltria, ho trovato questa ricetta sul blog "A tavola da Daniela", pensando fosse quella che preparava la mia zia, invece sono abbastanza diversi, ma decisamente non male!
Si possono sia friggere che cuocere in forno, ed ovviamente ho provato tutte e due le versioni...
Devo dire che fritti sono spettacolari, al forno un po' troppo secchi, questo si poteva anche supporre, ma sono ottime entrambe le versioni!
Una curiosità: informandomi su questa ricetta ho trovato una sorta di "leggenda", che dice di preparare questo dolce quando in casa si è sole, in cucina non deve esserci nessuno, altrimenti il dolce non riesce!

420 gr di farina (se le uova sono grandi qualcosa in più, tenetela a portata di mano)
4 uova
1 pizzico di sale
60 gr di zucchero
2 cucchiai di olio di oliva
1 bustina di lievito per dolci
1 bicchierino di anice

olio per friggere
zucchero semolato e alchermes per decorare

Mettete una pentola di acqua a bollire, ed accendete il forno, statico, a 220°

Impastate come una normale spoglia, ricavate dei filoncini e tagliateli a fette
2.jpg
2.jpg (100.26 KiB) Visto 1653 volte
Versate poche fette per volta, scolandole non appena vengono a galla, e posandole su un canovaccio pulito ad asciugare
3.jpg
3.jpg (278.42 KiB) Visto 1653 volte
Fate, con le forbici, 4 tagli ad ogni fetta
4.jpg
4.jpg (143.33 KiB) Visto 1653 volte
Infornate a 220° per 15 minuti, poi abbassate il forno a 190° e lasciate per altri 15 minuti
6.jpg
6.jpg (97.82 KiB) Visto 1653 volte
Le rimanenti fette friggetele in olio di semi fino a doratura, e mettetele a scolare
5.jpg
5.jpg (200.86 KiB) Visto 1653 volte
Una volta raffreddate passate ogni singolo pezzo prima nell'alchermes, poi nello zucchero semolato
7.jpg
7.jpg (205.42 KiB) Visto 1653 volte
Felice carnevale!!!
Non esiste una buona cucina o una cucina cattiva. Esiste solo quello che più ti piace.
(Ferran Adrià)


Il mio blog: https://a-tavola-a-casa-mia.webnode.it/
Rispondi

Torna a “Dolci tipici delle festività”